L’intervento psicologico domiciliare: definizione e specificità

psicologo domiciliare

Quella domiciliare è una metodologia di intervento psicologico con proprie caratteristiche e funzioni. A differenza degli interventi condotti nello studio, l’intervento domiciliare vede lo psicologo partecipare attivamente ai contesti di vita del paziente individuando criticità su cui lavorare e risorse da attivare.

L’esperienza nei servizi pubblici

Conduco interventi domiciliari da 5 anni, non sempre nel ruolo di psicologa ma sicuramente utilizzando le mie competenze psicologiche.

Dal 2016 lavoro all’interno di servizi domiciliari del Comune di Roma appaltati a cooperative sociali, attivati da diversi attori pubblici e con mandati differenti.

Tra questi ci sono stati interventi attivati dalle ASL per promuovere l’autonomia di persone non autosufficienti, altri attivati dai servizi sociali per fornire un supporto alla genitorialità in famiglie caratterizzate da una forte conflittualità, altri ancora attivati su suggerimento di istituti scolastici per il supporto all’apprendimento di studenti con diagnosi di disturbi dell’apprendimento.

L’intervento nello studio e a domicilio: due metodologie differenti

Sebbene molto diversi tra loro, ciò che accomuna tutti questi servizi è il setting di intervento: il domicilio dell’utente. Quello domiciliare è un ambito di intervento psicologico ancora sommerso in Italia: in molti lo conducono ma in pochi lo dichiarano. Di Toppa (2017) e il Gruppo di Lavoro sull’intervento domiciliare dell’Ordine degli Psicologi del Lazio hanno sottolineato il vissuto di svalutazione frequentemente esperito da chi conduce simili interventi, molto lontani dalla rappresentazione del prestigioso studio psicoterapeutico.

Di fatto, l’intervento nel setting domiciliare non è la brutta copia dell’intervento nello studio, è una tipologia di intervento psicologico clinico completamente differente. Come Di Toppa (2017) ha evidenziato, nello studio il terapeuta lavora insieme al paziente sulla rappresentazione che questi propone circa il problema alla base della richiesta di intervento psicologico. Problema che si realizza al di fuori dello studio di psicoterapia ma che ha una corrispondenza con quanto accade durante il processo terapeutico.

psicologo a studio

Nell’intervento domiciliare, di contro, lo psicologo si trova ad intervenire là dove il problema si manifesta: ovvero nel contesto di vita del paziente. L’intervento domiciliare è pertanto un intervento che coinvolge direttamente i contesti di vita del paziente: la famiglia ma anche il territorio, la comunità. Pertanto, è un intervento che attiva non solo le risorse della persona ma anche quelle dei contesti cui egli partecipa. Ciò è ancora più evidente negli interventi domiciliari attivati dai servizi pubblici in cui la costruzione di una rete di rapporti affidabili formali e informali diviene caratteristica centrale dell’intervento. Per questo motivo l’intervento domiciliare è una tipologia di lavoro che ho sempre trovato dinamica, stimolante e di grande impatto sociale.

psicologo domiciliare

Il servizio privato

Attualmente continuo a collaborare con cooperative sociali ma ho anche avviato un servizio domiciliare privato che interviene nel rapporto genitori-figli. È un servizio commissionato da genitori su problemi relativi al processo di crescita dei figli: emotivi e di socializzazione ma anche relativi al rapporto con la scuola o entro un percorso formativo più ampio. Seppur privato, è un servizio che mantiene forte la connotazione di rete con i servizi territoriali sia pubblici che privati. Il servizio pertanto propone la professione psicologica come uno strumento per lo sviluppo non solo della singola persona o famiglia ma anche della comunità.

Per maggiori informazioni, visita il mio sito o contattami

Leave A Comment